DESIGN – DSRMX (recensione)

DESIGN – DSRMX (recensione)

cover

Dieci brani al vetriolo frutto di un impegno corale non indifferente.
Si tratta infatti di remix elettronici di grandissima fattura, il tutto condito da una potenza inaudita.

V00Doo DOLL (NREC remix)
Brano che abbiamo già avuto il piacere di ascoltare nella sua versione originale, trattasi dei Nrec che ci hanno deliziato con un superbo lavoro ed anche questo remix non è da meno.

LOV3=FICTION (HLFMN remix)
L’amore è davvero finzione?
Sembrerebbe una terribile equazione matematica che suadente s’insinua viscidamente nelle orecchie dell’ascoltatore e lo seduce.

D4YTIM3 SL33P (KMfromMYills remix)
Numeri che si sostituiscono alle lettere in un connubio semantico che fonde indissolubilmente la matematica alla musica e all’elettronica.
Tocchi ambient estremamente “deep” e lisergici.

5HY D4NC3R (The natural Dub Cluster remix)
Trance elettronica per un mood rock andante che non rockeggia, ma danza pericolosamente in un mantra automatico dove una voce fascinosa viene spalmata in tutto il brano.

M4YB3 (Alessandro Apolloni remix)
Remixando Alessandro Apollini, tutto affoga in un letto di archi estremamente emozionali.
Il tutto in uno splendore che ha del paranormale.

FLOR3NC3 (K.Lust remix)
Distorsioni estreme per distensioni estreme.
Paridisiache visoni infernali in un mare vortiginosa follia sonora : ipnotiche marce nichiliste che implodono nell’assoluto.

5O CRU3L (Michele Caserta remix)
Così crudele questo sound estremamente “geek”, ma un po’ vintage.
Maledetto il giusto, drogato, rocker, spinto, contenuto, rigurgitante, dignitoso, vero, falso, variegato e contradditorio, credibile.

GUILTY PL345URE (Bob remix)
Il piacere colpevole è sempre il più intrigante come questo sound farraginoso e morboso nella sua malata introspezione.

V4MPIR35 ON TH3 B34CH (HlFMN remix)
Niente può essere più alienante che una massa di vampiri spiaggiati che sopportano il sole sotto l’effetto di chissà quale sangue “stupefacente”.
Atmosfere lunari che si fondono a mood solari, quasi da “puttanata estiva”, in un mix efficacissimo di antitesi in perfetta sistesi.

V00D00 D0LL (YouareHere) 
Come iniziamo, finiamo.
In bellezza, in grande bellezza

Questo album, seppur trattasi “soltanto” di remix, è da sentirsi male. Nel senso buono.
C’è divertimento, follia, genialità, sapienza, trasgressione, nerdosità a profusione, il tutto con intelligenza e gusto musicale.

Design foto 2 Design

DSRMX è il nuovo album di remix dei marchigiani Design, una delle migliori espressioni del rock elettronico made in Italy. Arriva a 9 mesi dall’ultimo lavoro in studio, “Daytime Sleepwalkers”, e contiene 10 versioni remix di 9 brani estratti appunto da quest’ultimo lavoro ad opera di altrettanti artisti della scena elettronica tricolore.

“Volevamo instaurare una sorta di dialogo con gli artisti che hanno gentilmente collaborato alla realizzazione del disco, lasciando loro carta bianca nel lavorare sui nostri brani, in modo da esaltare la loro visione personale della musica attraverso le basi fornite dai nostri pezzi, modus operandi che ci permette inoltre di allargare gli orizzonti del nostro percorso musicale e di farci conoscere a un pubblico diverso dal nostro. Pensiamo che quando un brano è valido e funziona non perda il proprio fascino anche vestendo “abiti diversi”. In questo caso ci siamo avvalsi di “stilisti” straordinari e il risultato finale ha sorpreso anche noi. Fino alla fine avevamo timore che i diversi stili degli artisti coinvolti avrebbero potuto far suonare DSRMX come una sorta di album “scollegato”, mentre alla fine ne è venuto fuori un disco vero e proprio che non ha perso lo “spirito” e il concept legato al lavoro d’origine “Daytime sleepwalkers”, anzi, in un certo senso ne ha amplificato la potenza rendendo ancora più oscura l’atmosfera necessaria alla base del nostro disco.

Tre degli artisti coinvolti erano già presenti come featuring in “Daytime sleepwalkers”, ovvero NREC, KMfromMYills e Alessandro Apolloni.
Gli altri, YOUAREHERE, The Natural Dub Cluster, HLFMN, K.LUST, Michele Caserta (Drama Emperor), invece li abbiamo contattati dopo aver ascoltato e dopo essere rimasti decisamente colpiti dai loro ultimi lavori in studio.

Sotto l’acronimo di BOB si nasconde invece il nostro batterista, Roberto Cardinali, che ha voluto rivisitare in modo del tutto personale la nostra “Guilty Pleasure”.

INFO
USCITA: 2 Giugno 2016
PROVENIENZA: Castelfidardo (Ancona)
GENERE: New wave\industrial\alternative rock
FACEBOOK: https://www.facebook.com/designofficial
CONTATTI: designrockband@gmail.com
STREAMING e DIGITAL DOWNLOAD: https://designrockband.bandcamp.com/album/dsrmx-2

Dal 2 giugno distribuito in digitale su Tunecore.com

TRACKLIST

1 – Nrec – V00D00 D0LL
2 – HLFMN – L0V3 = F1CT10N
3 – KMfromMYills – D4YT1M3 SL33PW4LK3R5 4 – The Natural Dub Cluster- 5HY D4NC3R
5 – Alessandro Apolloni – Composer- M4YB3
6 – K.lust- FL0R3NC3
7 – Michele Caserta- 50 CRU3L
8 – BOB – GU1LTY PL345UR3
9 – HLFMN – V4MP1R35 0N TH3 B34CH
10 – YOUAREHERE – V00D00 D0LL

LINE-UP

Daniele Strappato – voce
Sara Tringali – basso
Nicola Cerasa – chitarra e synth Roberto Cardinali – batteria e pad

BIOGRAFIA Design

Formati nel 2008 danno alle stampe il primo EP “4 Little Hanged toys” nel 2010 per la label inglese Copro Records/Casket Music. Dopo un anno di live ed aperture a concerti per band come “il teatro degli orrori”, “ministri” ed “orange” danno alle stampe il primo full lenght “Technicolor Noise” nel 2012 per Zeta Factory (Rezophonic, K.LOG.R), disco ha permesso alla band di suonare live anche oltre i confini italiani – in Inghilterra e Spagna per la precisione. Dalle collaborazioni con artisti della scena elettronica come Youarehere, Electric Riot, Nrec e KMfromMYills nasce l’ep “Fail Better” contenente remix di brani di “Technicolor Noise”. Nel 2015 licenziano “Daytime Sleepwalkers” per This Is Core.


SCONTO DISTROKID 7% SE TI ISCRIVI USANDO QUESTO LINK (clicca)
 

Lascia un commento

Open chat