Vanterrania e “MYSTERIOUS”: tra dark, electro ed illuminazioni sonore

Vanterrania e “MYSTERIOUS”: tra dark, electro ed illuminazioni sonore

“MYSTERIOUS” è una produzione composta con sequencer e chitarra, dopo anni di
sperimentazioni in ambito electro-rock. In studio nel Catanese, Giovanni Brancati inizia e
conclude l’intero disco, il 28 Novembre 2016, viene pubblicato e distribuito nei Digital
Store. L’album “MYSTERIOUS”, è stato suonato questa volta con l’intenzione di
raggiungere in qualche modo un suono pulito e originale, rispetto gli altri progetti
pubblicati, che a sua volta entra in gioco con sonorità e fusioni sperimentali “electro”.
Vanterrania si destreggia in manieristiche evoluzioni che possono far pensare ad un
Richard Benson o Hendrix elettrificati e distorti. Le sue nebbie sonore talvolta
cinematografiche incutono tanta ansia ma anche tanta pace interiore grazie a passaggi
sonori che sembrano epifanie. Infatti, nell’oscurità di Vanterrania c’è spesso spazio anche
per la luce che si fa strada tra la coltre oscura fitta ed impenetrabile.
La ricercatezza sonora del musicista siciliano è una delle sue peculiarità insieme ad
un’instancabile voglia di prevaricare generi e canoni dell’ortodossia musicale. Questo ci
porta come risultato un sound a dir poco sorprendente che lascia allibito chi ascolta. La
fantasia e l’estro di Vanterrania suscitano emozioni vere, emozioni fugaci e irripetibili. A
volte l’industrial e l’electro si fanno dominanti e vibranti e questo tende a creare paesaggi
sonori alieni e sottilmente sci fi. Inoltre, come non dirlo, Vanterrania sembra aver tra i suoi
scopi quello di “maltrattare” la sua chitarra e il suo sound e nel farlo riesce a cacciar fuori
sonorità materiche, plastiche, pulsionali.


 

Comments are closed.