Chat with us, powered by LiveChat

Magnitudo 12 – Un mix esplosivo di reggae, hip hop e rap 

Magnitudo 12 – Un mix esplosivo di reggae, hip hop e rap 

I “Magnitudo 12” sono una band emergente salentina.
Affacciatasi alla scena musicale nel 2015 con il singolo “Nella mia città”, è composta da tre voci e un DJ che li segue esclusivamente nelle live. Marco Guido in arte Spagnolo, Fabio Piccinno in arte Shaker, Valentina Gatto in arte Shale e il DJ, Marcello Patricelli.
Nel 2016 escono “Aria mediterranea” e “Peace and love”, entrambe reggae, con sonorità hip hop ed incursioni rap. 
Affrontano temi impegnati quali il senso di appartenenza alla propria terra, il Salento, e le sue precarie condizioni economiche e sociali. “Peace and love” invece è una vera e propria divulgazione di ideali di pace e fratellanza, temi tipici della musica reggae, la cui impronta è molto forte in questo singolo. Sempre nel 2016, la band partecipa al “Free music contest”, organizzato da “Salento concerti”, arrivando in finale e vincendo il premio “risposta del pubblico”.L’anno dopo esce “Qui si festeggia” il cui video clip è stato curato dalla regista Rosita Liguori che poi nel 2019 si è occupata anche dell’ultimo singolo della band “Enjoy”.
Questa hit, dai toni più maturi, contiene un importante messaggio di vita; un invito a godere (appunto enjoy) di questo dono e a vivere sempre con il sorriso, affrontando i problemi senza mai arrendersi. 
Insomma, è pura positività ed empatia! Dai toni invece più polemici e duri, nel 2018 è uscita “Il mondo”. 
Una canzone che è un grido di protesta, un grido al cambiamento. 
Con il solito sound, ma con più grinta, condanna le ingiustizie della nostra società.
(A cura di Ginevra Barone)


Voglia di pomeriggi dove si respira il Sud, di sole di mare…eh si, tocca dirlo, di vento. Non sarebbe altrimenti il magico Salento (Lu mari, lu suli, lu ventu).  Un flow irreprensibile il rap di Shale, che si lega in maniera particolare col cantato anarchico degli altri due esponenti della band. Con “Enjoy”, insieme a riflessione e profondità, si respira, inequivocabilmente, anche divertimento.
(A cura di Giovanni D’Iàpico)