MALEDUCAZIONE ALCOLICA: divertimento, ma con un sano perché ! (Recensione)

MALEDUCAZIONE ALCOLICA: divertimento, ma con un sano perché ! (Recensione)

MALEDUCAZIONE ALCOLICA “resto fuori” (Maninalto! Records)

Maleducazione Alcolica è un progetto ska/reggae nato nel 2010 e che si è subito distinto per la voglia di fare,calcando fin dagli esordi numerosi palchi importanti.

“Resto fuori” è il loro nuovo lavoro ed è un disco estremamente godibile,che piacerà sicuramente agli estimatori del genere,ma anche a chi vuole semplicemente della sana energia intelligente nella musica.

L’album si apre con un intro strumentale dal sapore ska-core,che alterna potenza a momenti “In levare”;subito dopo,”Una storia da evitare”,un brano simpatico e frizzante dal testo metaforico che getta un parallelo tra le fiabe di ieri e le storie di oggi (l’eterno dualismo ricco/povero), facendo capire esplicitamente che la differenza non è poi molta!

“Marzo” è una canzone che alterna momenti pacati ad altri più potenti e agitati,con una bella chitarra liquida in evidenza (che si fa ruvida nei ritornelli);le liriche affrontano tematiche personali con originalità (“forse è stato un grande abbaglio/non mi fido della forza,quella che mi manca adesso”).

“Notte” è il brano perfetto per i live,uno ska senza freni con potenzialità da hitsingle,un inno-appunto-dedicato a chi vive di notte con intensità;”Stress homeless” è un brano dal cuore “sociale” (ma con originalità ed un pizzico d’ironia),in cui traspaiono perfino influenze southern blues nell’introduzione!

Spumeggiante “Un pazzo”,con i fiati e la tastiera in primo piano,un samba-reggae caliente che ti fa ballare,ma anche pensare (il testo è un invito alla libertà e a non giudicare la vita degli altri); “Amavi le fragole” ha  un testo che parla d’amore e di rimpianto (“amavi le fragole,stai morendo per vivere/la tua anima è merce,e non vuoi più sorridere”), con una doppia chiave di lettura.

La title-track se non erro è anche il primo singolo tratto dall’album,e ne ha tutte le caratteristiche:tra ska e punk rock,è un brano irresistibile dal testo interessante (e con una componente che fa riflettere,come sempre,non solo “saltare”);”Polli beat”,per contrasto,è un brano ironico e divertentissimo,con qualche accenno electro-indie nell’introduzione:le parole-con sguardo critico,ma beffardo-sono perfette per i giorni nostri (“un pollo che si crede un’aquila(…)lancia occhiataccia da una nuvola/ma se scivola,dove cadrà?”),in cui l’”apparire”,va a discapito-purtroppo-dell’”essere” (la canzone è indirizzata ad una modaiola criticona e “danzereccia”!).

“Puniscimi” è un’altra canzone a cui è difficile resistere,dato il torrenziale ritmo ska-punk (e l’argomento “sensuale”)…ma nel “mix sonoro” della band,affiorano anche qualche sottile trama acustico-introspettiva,tra un ritornello e l’altro;anche su “Trash” ci sono altre influenze,difatti la trama della canzone è puro hard rock via crossover,con un cantato aggressivo e diretto,quasi hip hop come attitudine (“tutti vogliono soltanto che stai lì a guardare/tutti vogliono soltanto farti divertire/tutti vogliono soltanto farti suicidare”) che mette alla berlina la falsità e l’ipocrisia dei massmedia italiani (e non solo…c’è pure un campionamento del “re del trash” Di Prè,ma anche Richard Benson nel finale! !)..Un testo che approvo e condivido in pieno (“la televisione che ti istiga a drogarti”,e mi fa piacere che non sono l’unico a pensarla così),la tv ed i talent come moderno oppio dei popoli.

“Spend a weekend” è una riuscita cover di Toots & the Maytals,mentre “Hashish & caffè” è l’insolito e riflessivo finale,che spezza un po’ l’atmosfera gioiosa del resto del disco per un brano umbratile e “fumoso”,dall’atmosfera notturna ed introspettiva,dal sapore “alternative”,una ballad davvero riuscita.

Direi che si tratta di un lavoro eccellente nel suo genere,con una band in gran forma,che sa davvero suonare e scrivere dei bei pezzi ( e con uno spettro di influenze che-come abbiamo visto-va anche “oltre” le radici del sacro trittico ska/reggae/punk):sono sicuro che il futuro dei Maleducazione Alcolica sarà roseo e ricco di soddisfazioni,perchè la qualità c’è,la voglia di divertire-ma con una causa-pure!

cv_maleducazione

Rispondere qui
Salve, come possiamo essere d'aiuto?
Powered by