“Memorie Notturne di Sogni Diurni” è l’esperienza sensoriale da provare!

“Memorie Notturne di Sogni Diurni” è l’esperienza sensoriale da provare!

“Memorie Notturne di Sogni Diurni” è l’esperienza sensoriale da provare!
Il suono è un’esperienza, un percorso che può coinvolgere più sensi contemporaneamente dando vita a vere e proprie sinestesie.
Vi potrebbe capitare di sentire odori, sapori, vedere immagini e sentire sulla vostra pelle sensazioni di freddo, di caldo, di smarrimento o di pace.
Questa è la musica di Edmondo Annoni che ruba con sapienza all’ambiente e crea atmosfere sonore assolutamente inedite grazie all’uso magistrale dei sintetizzatori.

Andiamoci ad ascoltare questa perla di album, il connubio perfetto tra ambient, musica concreta e soundtracks.

Beat in G ci riporta in qualche modo alla tonalità (di sol…minore), pur volendone uscire fuori inevitabilmente. Nulla a che vedere con il solito beatmaking da producer medio, già un intro imponente e devastante ci introduce nel mondo di Karrambah.

Brama è ancor più nebulosa e terrificante, la colonna sonora perfetta per il thriller dei nostri sogni, ehm, cioè…incubi!

Cori nella sua intra ricorda molto il rumore tipico di quando si batte sul microfono per vedere se è acceso. Il tutto rielaborato in folli e ritmici deelay ciclici che ci fanno sprofondare in viaggi onirici non indifferenti. Il tutto sembra fondersi con raggelanti gocce d’acque all’interno di grotte umide e spettrali.

Mantra ci porta in sella ad un animale immaginario verso la perdizione della mente. Mi immagino di essere condotto sul groppone di un brontosauro buono che sta per avventuarsi in un mondo cattivo. E noi indecisi se rimanerne affascinati o spaventati. Un po’ quello che succede durante una profonda meditazione che ci conduce verso i più torbidi meandri della nostra personalità.

Pam-Pam-Ra non è una canzonetta di Achille Lauro (Bam Bam Twist), ma una colonna sonora minimale, ambientale ed onomatopeica, a tratti sinfonica. Tutto si incentra su una nota che insiste in un ostinato ritmico alla Bjork (vedi Wanderlust), il tutto arricchito da fiati cinematografici, suoni della natura, sintetizzatori, il tutto in un viaggio a dir poco ipnotico.

Resonator sembra il nome di un dispositivo musicale, un plug in. E se fosse un risonatore della nostra anima? Come in un’ascesi mistica tibetana.
Il tutto è fortemente e perfettamente atonale. I suoni della natura (il cinguettìo degli uccelini) sono programmati in modo tale da fungere da suono sintetico al servizio della composizione.

Riverbera presenta una bella sorpresa. Elemento che non era presente nelle tracce precedenti: la voce umana, come una meditazione, una preghiera sintetica proveniente da un vocoder effettato, proprio come un’interferenza casuale, magari…dall’aldila, allusione della metafonia?

“Memorie Notturne di Sogni Diurni” è l’esperienza sensoriale da provare!



Notizie aggiuntive

Edmondo Annoni, di Milano, lavora professionalmente come filmmaker e fotografo. Già fin dai primi documentari “L’ombra del Vapore”(2016) e “Il Limite”(2017) sperimenta con il suono realizzando le sue stesse colonne sonore, campionando l’audio ambiente.

Da fine 2019 il suono prende ancora più spazio nella sua vita, dopo una svolta spirituale che lo porta a diventare operatore olistico sonoro-vibrazionale. Questa nuova presa di coscienza lo porta a dar vita a un progetto interamente musicale sotto lo pseudonimo Karrambah.

La sua musica è spiccatamente elettronica con elementi di sound designer. È ibridata inoltre con strumenti presi in prestito dall’ambito spirituale/meditativo come campane tibetane, koshi e shruti box, senza disdegnare strumenti più tradizionali come chitarra, tromba e pianoforte.

In continua trasformazione emotiva, ricerca sensazioni sinestetiche diversificate piuttosto che una struttura ben definita. Così come ciò che percepiamo come realtà è in continuo mutamento dato dal sopraggiungere dentro di noi di diverse emozioni, così la sua musica è creata da un continuo gioco di rimandi interni, fatto di saliscendi percettivi. Va ascoltata con l’occhio interno, attento ai ricordi, alle sensazioni epidermiche ed energetiche, piuttosto che con la testa.

“Memorie Notturne di Sogni Diurni” è l’esperienza sensoriale da provare!


Presentazione di “Memorie Notturne di Sogni Diurni”:

La Tv di Biluè di Giovanni D'Iapico

“Memorie Notturne di Sogni Diurni” è un disco di mezz’ora, fatto di pattern elettronici alternati a squarci melodici. Come il titolo suggerisce è un disco di frammenti musicali che continuano a ribollire, sensazioni diversificate e alternanza di luci e ombre.

È un album psichedelico-sciamanico che cerca di portare l’ascoltatore all’interno di spazi reconditi dentro la propria interiorità.

“Memorie Notturne di Sogni Diurni ”, è rilasciato autonomamente ed è attualmente disponibile solo in digitale (Bandcamp, Spotify, iTunes, Googleplay e tanti altri).

Link per lo streaming dell’album:

https://open.spotify.com/album/1Av7DdOCWEObXSRL0LBnoD


Track list:

1. Beat in G
2. Brama
3. Cori
4. Mantra
5. Pam-Pam-Ra
6. Resonator
7. Riverbera

Musiche:

Edmondo Riccardo Annoni

Data release:

10 Agosto 2020

Genere:

Drone, Ambient, Elettronica

Weblinks:

Instagram: https://www.instagram.com/karrambah_music/

Email: karramba.shaman@gmail.com

Sito Ufficiale:

https://www.edmondoannoni.com/karramba/

SCOPRI AUDIOFOLLIA.IT

Rispondere qui
Salve, come possiamo essere d'aiuto?
Powered by