Chat with us, powered by LiveChat

L’altra volta s’era discusso di quanto fosse sempre più difficile far filtrare nel nostro paese la musica elettronica, discostandosi soprattutto dai soliti, retorici canoni discotecari, che si alienano totalmente dall’anima e dalla qualità di un genere che per ben 40 anni ha fatto Storia. Eppure il dramma dell’elettronica, salvo pochissime innovazioni come la dubstep e l’electroclash, per lo più risultanti di nuovi mix sonori, ha avuto nel corso degli ultimi 10 anni un appiattimento, banalizzando l’aspetto culturale oltre che musicale a mediocri e ridicole ovattazioni sonore, per lo più risultanti di remix ed estensioni di continui ricicli non solo dal mondo dell’elettronica, ma da qualsiasi altro genere si riesca a pescare una campionatura più o meno catchy, ridicolizzando lo stesso panorama rock e metal a frustranti e volgari macchiette per le discoteche.

Poi ecco che ti arriva all’improvviso un certo ragazzino del sud-est britannico di nome Nick Douwma, noto semplicemente ai più come Sub Focus, e riesce a farti tornare la speranza di una rinascita del genere in termini di sostanza e non più di mattanza.

A dire il vero la storia di Sub Focus parte dagli inizi 2000, tra vari locali, discoteche e giri-rave dei sobborghi britannici, dove ancora ragazzino si prestava a fare remix di Prodigy, Empire of the Sun, Dizzee Rascal e tanti altri ancora, iniziando già dal 2005 a incidere pezzi propri, come il binomio Rock It/Follow The Night, in testa alle classifiche britanniche nell’estate 2009. Dopo un primo, notevole esordio house/drum&bass nel 2009 con l’omonimo “Sub Focus”, esce un mese fa quest’ultimo, straordinario seguito discografico, “Torus”, che riesce a infondere ulteriore linfa vitale al suo credo artistico, perchè se il primo album era una grande rivelazione, questo può diventare una potenziale pietra miliare del genere e del nuovo decennio. Come ho già detto, trovavo ormai sterile da anni il panorama dell’elettronica, ed era dai tempi di “You’ve Come a Long Way, Baby” di Fatboy Slim che non riuscivo a trovare un album così completo e valido. Tracce come la title-track (con forti echi rockettari) o la successiva “Safe In Sound” (nata e sviluppata intorno al sample di una canzone tradizionale irlandese) vanno a rendere un palese omaggio al Jean Michel Jarre di “Oxygene” e “Magnetic Fields”, seguite dalla deep house di “Close” e “Turn It Around”, quest’ultima in collaborazione con Kele, leader dei Bloc Party, ma anche la dubstep riesce a trovare spazio, come in “Endorphins”, “Tidal Wave” insieme ai bravissimi Alpines e l’orientaleggiante “Out of Reach”, finendo al drum&bass più studiato di “Out of Blue”, “You Make Me Better” o la forte evocazione dance novantiana di “Turn Back Time”.

Ogni singola traccia ha un mondo a sè all’interno dell’album, una storia personalissima da raccontare, mantenendo comunque un continuo e lineare percorso musicale, con Sub Focus nei panni di un perfetto Caronte a condurci nei più profondi flussi sonori, e dove ognuno di noi può trovare un’unica e personalissima meta emotiva.

Voto: 9,5

Sub Focus - Torus