The Fire:il ritorno,con un EP strepitoso

The Fire:il ritorno,con un EP strepitoso

THE FIRE “Bittersweet” (Ammonia records,EP)

Tornano The Fire (per gli smemorati:la rock band nata nel 2005 dall’incontro di Olly-ex Shandon- degli ex Madbones),e lo fanno alla stra-grande con questo EP che è pura dinamite!

Adornato da una bella copertina (uno scatto che raffigura un’affascinante ragazza punk vestita in stile pellerossa,che in realtà  non è altro che la moglie di Olly,Francesca Du Demon),il disco vede una band in grande forma:alcuni dei brani sono riuscite cover,altri sono  inediti che non avevano ancora trovato collocazione nei dischi “ a lunga durata” del gruppo,ma non per questo meno importanti,anzi.

L’EP si apre con la title-track,un brano al fulmicotone:puro hard rock dall’alto potenziale radiofonico e dalle liriche introspettive,con una bella melodia in evidenza ( e delle avvolgenti tastiere sullo sfondo);una canzone per cui molti gruppi all’estero ucciderebbero (fidatevi)…

“Roxanne” è la famosissima canzone dei Police:la melodia originale viene mantenuta,ma innestata in un sound tagliente e potente,che ne amplifica la bellezza,tra ricordi punk e altenative;”She’s the one”,subito dopo,è un altro brano di grande orecchiabilità,dotato di una melodia raffinata e di un ritornello accattivante,ma ricercato (anche questa canzone potrebbe spopolare in radio!):la sfera personale è l’argomento del testo e la capacità di aprirsi veramente con una sola persona tra tante.

“Lonely hearts” è una ballata ancora una volta introspettiva e molto “americana”,con un bel pianoforte in evidenza (ed una notevole melodia,sempre molto curata): Olly parla dei suoi genitori in maniera personale e riuscita.

Il finale è con il botto,all’insegna del rock & roll più viscerale,con due cover:”Dr.Rock” è una cover dei Motorhead rivisitata attraverso il Fire-Sound (che ne amplifica le qualità melodiche;ma non ci si dimentica delle chitarre robuste!);”train in vain” è una riuscita cover dei Clash (ma non aveva certo bisogno di presentazioni,penso che la conoscerete tutti!),rifatta in chiave acustica….Un finale simbolico,per non dimenticare le radici punk rock,che si sono “evolute”,ma rimangono lì,sotto la polvere….

Un ottimo EP,dunque,per una band in costante crescita ed evoluzione:da ascoltare a tutto volume!

The Fire - Bittersweet

Rispondere qui
Salve, come possiamo essere d'aiuto?
Powered by