Yato – Post Shock [Recensione]

Salve audiofolli, ecco a voi un disco uscito da poco più di una settimana: il 9 ottobre.
Questo album, Post Shock, è la dimostrazione che iniziative come Musicraiser funzionano. Ebbene sì, si tratta di crowdfounding.
Stiamo parlando del progetto YATO, un’autoproduzione che contiene sette tracce inedite.

– Elettro hardcore – Sound possente, cantato trascinante e un master di una brillantezza davvero invidiabile.
– Idolatrina – Giochi di parole, arrangiamenti complessi con soluzioni creative frutto di oculati intrecci sonori.
– Dub-bi song – Ci addentriamo, come da titolo nel genere “dub” anche se le influenze sono molteplici, a tratti suggestioni cinematografiche.
– Le teorie possibili – Il brano va gustato fino in fondo, verso la seconda metà della traccia ci inoltriamo in un trip sonoro fuori dal comune.
– Consciok – Nel bel mezzo dell’album, viviamo lo “shock” o meglio “sciok” come da titolo, in profondità e in tutte le sue sfumature.
– Intro me – L’atmosfera è soft, l’atmosfera è raffinata per un brano strumentale che si evolverà in potenza, complessità, pulizia.
– Post – Un sad piano vagamente ambient si fonde a una ritmica lenta e devastante, un cantato doloroso e di grande enfasi.
– Ormonauti Rmx – Un remix davvero metropolitano all’ennesima potenza, percezioni dub contaminate da imprevedibili influenze, una delle tracce più efficaci del disco, si ascolta dall’inizio alla fine dove non muoversi è impossibile.

La Tv di Biluè di Giovanni D'Iapico

Se anche voi volete “shockarvi”, ascoltatevi tutto d’un fiato questo “post shock”.

GUARDA IL VIDEOCLIP DI ELECTRO HARDCORE

 

Rispondere qui
Salve, come possiamo essere d'aiuto?
Powered by