Giovanni D’Iàpico

Giovanni D’Iapico

TI RICHIAMIAMO GRATIS
Inserisci il tuo recapito telefonico (ricontrolla affinché sia corretto, grazie).
Il numero da cui riceverai la chiamata sarà il 3339277903.

Nasco a Comiso (Rg) il 3 marzo 1983, all’anagrafe Giovanni D’Iàpico, vivo fino ai diciotto anni a Vittoria (Rg).
Mi trasferisco ad Arezzo per frequentare il corso di laurea in “Musica e Spettacolo” presentando una
tesi su Claudio Lolli, intervistandolo personalmente (ascolta), così come il chitarrista Paolo Capodacqua.
Mi specializzo (corso di laurea magistrale) in “Letteratura e Spettacolo” con una tesi su Bjork. 
Diversi i laboratori pratici in ambito universitario inerenti all’arrangiamento e alla composizione musicale in ambito digitale, stage in montaggio video e approfondimento dell’utilizzo di software nella musica elettronica.
Ho studiato pianoforte classico per diversi anni sotto la guida di Enrico Lancia e del maestro Carlo Alberto Neri, maestro anche di Giovanni Allevi.
Nel 2010 prendo il diploma di tecnico audio alla All music di Firenze, sotto la guida di Filippo Gabrielli.
Nell’ottobre del 2011 fondo il portale di servizi musicali “Audiofollia” e realizzo una quantità innumerevole di sigle e jingle per privati ed aziende, canzoni inedite per artisti, dediche, basi, arrangiamenti e ogni tipo di composizione per terzi.
In questi anni di permanenza in Toscana, ho partecipato a diverse trasmissioni nelle tv e radio come cantautore, ideato e condotto “Eclettica” una trasmissione radiofonica settimanale su Radio Incontri.
Sono entrato a far parte della compagnia teatrale “il Guazzabuglio” come attore, partecipando a vari festival, sotto la regia di Valentina Cidda, attuale cantante dei Kiddycar, figlia del noto direttore di  doppiaggio Mario Maldesi e sono venuto a contatto con attori del Piccolo di Milano come Umberto Ceriani; ho partecipato a diversi festival (diverse edizioni di Mercantia a Certaldo, a Calci, in provincia di Pisa) e stage legati al teatro con Alvaro Piccardi, docente della Scuola Nazionale di Cinema a Roma e Paul Keenan, in un laboratorio sulle tecniche di canto.
Ho lavorato come comparsa in film di Pieraccioni come “Una moglie bellissima”, “Un grande via vai” e “La seconda volta non si scorda mai”, un film di Francesco Ranieri Martinotti con Alessandro Siani ed Elisabetta Canalis.

Ho scritto colonne sonore per cortometraggi e spettacoli teatrali, piccole produzioni indipendenti della rete locale.

Sono stato iscritto alla S.i.a.e come paroliere e melodista, all’ E.n.p.a.l.s come attore per oltre dieci anni e scrivo soprattutto testi in italiano.
Attualmente ho lasciato la S.i.a.e , lavoro soprattutto in creative commons, produzioni “no copyright” o sotto licenza Soundreef con marcature digitali attraverso Patamu.

Dal 1997 a oggi, accumulo oltre un migliaio canzoni proprie, composizioni varie, spunti musicali e alcune migliaia di testi.

Ho firmato come coautore, per la EMI, le edizioni del brano ” Le bambine fanno ahh “, cantato da Prez e prodotto in collaborazione con la Viva Music di Bologna, tramite cui sono stato inserito in alcune compilation per promozioni discografiche, e distribuito dalla Latlantide, remixato successivamente dai Datura, con alcuni passaggi su Rete 4 e Radio Dj. E’ possibile reperire in commercio l’album, contenente anche il videoclip.
Nel 2005 collaboro con Gino Marcelli, tastierista dei Madreblu ed autore di colonne sono per Aldo Giovanni e Giacomo per quanto riguarda la produzione dell’LP “Cantautore digitale”.

Alcuni passaggi televisivi nazionali su Italia 1 (Talent1), Rai4 (Blog Tv) All Music e DJ Television. Attualmente faccio parte del gruppo indie-rock “Assassini del Pop”, in qualità di cantante / cantautore e arrangiatore.

Nel 2010 fondo una web-tv su youtube che si incrocia spesso con i lavori musicali di Audiofollia, un canale che ha accumulato negli anni quasi quattromila iscritti.
Precedentemente il format era “La tv di Biluè”, infatti Biluè era il mio pseudonimo con cui mi presentavo come cantautore e monologhista su Youtube, molto attivo nella produzione di video e nella cura del rapporto con i fan su Facebook. La pagina pubblica di Biluè non esiste più, in quanto sia lo pseudonimo che il progetto “Biluè” è stato totalmente abbandonato per una questione di tempo e priorità (tranne qualche rara collaborazione), per cui sostanzialmente mi firmo con il mio nome e cognome.
Tutti i miei attuali progetti (ed energie) sono rivolti alla direzione del portale Audiofollia e i servizi relativi.

Nel 2013 è stato prodotto “Canzoni storte”, il primo album della band, stampato in copia fisica e distribuito digitalmente in tutti gli store, tra cui Spotify.
Nel maggio 2014 realizzo come testo, musica e arrangiamenti, l’inno ufficiale della squadra di Fiumicino, associazione Fiumicino Calcio 1926, mentre nel 2016, l’inno ufficiale della Cuassese.
Sotto la mia super visione, tra il 2013 e il 2014, vedono la luce “Scars” dei Trauma Forward, “Audiofollia d’estate” (ascoltabile su Youtube), album ambient sperimentale solista, “Fabula distante” di Myranoir (promosso e distribuito dalla Nuova Santelli Edizioni), “Longing for an Execution” dei Fatal System Error, un Lp dei Tequila for Breakfast e uno dei Pikehearz. In lavorazione il secondo album degli Assassini del pop.
Nel 2015 collaboro con la casa discografica Bravo di Montecarlo (Fragile / Pauluzzi) e Franco Barbato (ex Rca) e Antenna 3, televisione del Veneto.
Nel 2016 collaboro con il direttore del Maggio Musicale Fiorentino Silvio Brambilla, realizzando il singolo “Sidewinder” e con il cantante siciliano, che opera negli Stati Uniti, Jonathan Cilia Faro, produco inoltre con gli Assassini del Pop, l’album “No comment”.
Nel settembre del 2017 fondo il progetto “Popi&Popa” insieme alla creativa grafica Anna Battiato, trattasi di un progetto musicale che unisce i disegni animati e la formula delle “short songs”.
Sono fondamentalmente un libero professionista che opera in maniera “multimediale” senza limiti geografici; mi occupo principalmente di composizione, arrangiamenti per i servizi della mia impresa online Audiofollia (il termine deriva da audiofilia, che vuol dire amore per il suono, giocando con le parole, citando anche la parola “follia”, quella che per me è l’anima dell’arte).
Scrivo recensioni su gran parte sulle nuove uscite di musica emergente che arrivano puntualmente alla webzine da parte di musicisti, etichette e uffici stampa.