VIOLA SINAPSI “rivoluzioni composte”

995584_516525365112779_1049004067_n

I Viola Sinapsi sono una band di Caltanissetta attiva dal 2006 e dedita ad un’alternative rock molto interessante,solcato da venature psych e talvolta interferenze”noise”(ma non solo):la line-up della band è composta da Davide Iacono (Voci e chitarre),Daniele Venti (Basso), Gabriele Russello (Synth)e Gianluca Di Majo (Batteria).

“Rivoluzioni composte”è il loro secondo EP(Il primo,”Terapia Intensiva Per Insoddisfazione”,è del 2007),che arriva dopo un sacco di date live sparse in giro per l’Italia,di spalla anche a nomi famosi;il disco continua sul tracciato di sonorità estremamente ricercate e molto particolari,e naturalmente originali,com’è da sempre nell’ottica della band.

Apre”Ladynutella”,un brano teso,che mescola inizialmente controtempi quasi progressivi a chitarre acide ed abrasive di matrice grunge/post-noise;man mano che si evolve,però appare anche l’anima più introspettiva del gruppo,che si riflette anche nelle liriche(“i tuoi fulmini e carezze/siringhe come neve al sole/scioglieranno le tue sfighe/gli stupidi tuoi dei/che volano via”),crudamente poetiche e molto belle….ma in 6 minuti ne succedono di cose,ed ecco che a metà la band torna su sonorità più aggressive e ossessive,a cui il synth dona un tocco”kraut”in più,tra epico candore sonico e sentori psichedelici.

“La fiera dell’ovvietà”è un brano più pacato,ma non meno umbratile nella sua atmosfera rarefatta;il tempo è scandito da dei battiti elettronici,ma non invadenti,sul quale si stagliano i delicati arpeggi chitarristici dal sapore post-rock ed il cantato introspettivo,ma melodico e personale,di Davide(“più che altro solo per vendetta/inganno ancora la mia pazienza/e spero di trovarmi qui ancora/succube di gioia e noncuranza/pretendo allora suprema giustizia”)….il finale prosegue su sentieri più secchi e decisi,che evidenziano ancora di più l’atmosfera ombrosa del brano,con la sezione ritmica e la chitarra che scavano nel profondo,mentre le tastiere disegnano passaggi onirici,ma sempre notturni.

L’amore per un mood inquieto e caleidoscopico viene evidenziato anche su”Nives”,un brano “schizofrenico”e affascinante al tempo stesso,in cui iniziali tonalità lente e riflessive,improvvisamente diventano cangianti e nervose,anche se la melodia rimane sempre in primo piano:probabilmente è il mio brano preferito dell’EP,adornato da seducenti chitarre,da una sezione ritmica implacabile e lievi “soundscapes”ambientali di sfondo,mentre il testo evoca l’amore in maniera tortuosa e nei suoi lati più oscuri(“e avrei da dirti troppe cose/spengo le attese,è tutto chiaro,so capire/Nives,dimmi pure,dimmi che mi vuoi bene/Sciogli i dubbi per favore/Ti prego,solo due parole per non apparire come al solito infedele”).

Chiude il lavoro un brano più pacato e dal mood in qualche modo”cantautorale”(anche se sempre visto da un’ottica “alternativa”),l’acustica “canzone di mezzanotte”,che manco a dirlo,evoca perfettamente in musica l’atmosfera notturna suggerita dal titolo;e così fa anche il testo(“stringi il cuscino,mio amor/chiudi gli occhi e sogna/tutti i tuoi crimini/ancora”)sulle note di una dolce e struggente ninna-nanna che spiega i desideri del protagonista (“lei non comprende il perchè/di una notte insonna/ma è tempo di esserci/toccarci e crederci/eliminiamo gli incubi”)e perchè no,talvolta anche le amare inquietudini.

Queste 4 “rivoluzioni composte”sono molto belle e dalla personalità intrigante e fascinosa,originale, la band stessa suona davvero bene;i lunghi anni passati a suonare live in lungo e in largo hanno fatto stra-bene al gruppo,ne hanno amplificato al meglio le già notevoli qualità compositive ed esecutive…..4 perle sonore,4 tracce di rara bellezza e di poesia musicale,che dimostrano l’indiscutibile validità artistica dei Viola Sinapsi.

Nell’attesa di ascoltarci il primo lavoro a lunga durata(che è già in lavorazione e non dovrebbe tardare molto ad arrivare in forma compiuta),godiamo ancora e torniamo a riascoltare insieme queste bellissime canzoni,tra rock,melodia,sperimentazione,psichedelia,gusto per le strutture “Non allineate” e tanto,tanto altro ancora….vi assicuro che la band vi emozionerà!

a1683544354_2

 

Webzine

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *