Vi segnaliamo oggi un cantautore molto interessante,con un titolo che cade proprio a fagiolo,considerando che domani è il primo maggio ed è anche la data ufficiale di pubblicazione del suo nuovo

“singolo”(o meglio,un antipasto di un più completo album)!
Il suo nome è Carlo Mercadante,accompagnato dal”collettivo sindrome di Peter Pan” e”niente in  tasca”(il brano a cui mi riferivo poche righe fa)è un pezzo attualissimo,anzi,che più attuale non si può,in quanto narra di sentimenti e situazioni nell’epoca odierna del precariato:il tutto condito con ironia e originalità.
L’album stesso,rifletterà in maniera ottimale questi tempi”incerti”anche nella sua pubblicazione:infatti,molto ironicamente,il disco sarà pubblicato”a rate”nei vari canali digitali…e quindi sarà una promozione insolita ed innovativa.
Qui intanto potete gustarvi l’anteprima ,ovvero il videoclip del brano che abbiamo appena citato:

Ma per saperne di più su questo particolarissimo cantautore,del suo collettivo e della sua biografia artistica,vi rimandiamo al comunicato stampa de”l’altoparlante”,a cura di Francesca Zizzari,che riportiamo qui sotto nella sua interezza:
IL PRIMO MAGGIO ESCE #NIENTE IN TASCA
BRANO E VIDEO “PRECARIO” DI CARLO MERCADANTE & COLLETTIVO SINDROME DI PETER PAN
Una società precaria in un brano e un video precario. E’ #Niente in Tasca, il singolo di Carlo Mercadante con il Collettivo Sindrome di Peter Pan che uscirà (accompagnato dal suo video “precario”) proprio il Primo Maggio, giornata dedicata al Lavoro ed ai lavoratori. Un’anticipazione dell’album 7 briciole lungo la strada che vedrà la luce il 15 giugno.
Il brano, liberamente ispirato al romanzo di Pietro de Viola “Alice senza niente”, è una piccola storia d’amore dei nostri tempi che ha per protagonisti due trentenni. Un ragazzo che veglia sui piccoli sogni di Alice, la fidanzata che affronta la quotidianità di chi è senza lavoro tra colloqui e delusioni, ma che ambisce alla conquista delle piccole cose e della “normalità” della vita: un accessorio da comprare, una casa, una famiglia. La canzone è stata realizzata con strumenti poveri per dimostrare che si può rendere il massimo avendo a disposizione solo il minimo senza scoraggiarsi per la mancanza di mezzi. Chi è precario deve inventarsi la vita ogni giorno, così come ha fatto Carlo per realizzare non solo questo singolo ma l’intero lavoro discografico.
In particolare per “#Niente in tasca” Carlo Mercadante ha suonato il basso in scatola (un rudimentale strumento realizzato con una scatola di scarpe e dei semplici elastici, all’interno del quale è stato posizionato un microfono), una bustina di zucchero (di canna) e “guance a schiaffi”; Mario Giglio un bidone, bicchieri interi e bicchieri rotti; Giuseppe Scarpato la chitarra (ma “buona la prima”); Angelo Mazzeo e Glenda Frassi “chitarre vecchie, zozze e con le corde arrugginite” (così è scritto nei crediti del pezzo); Enrico Goldoni: viole, violini e violoncelli finti, metallofono e pianoforte e Gennaro Scarpato la batteria.
“Il brano – si schernisce Carlo Mercadante – è stato registrato malamente in diverse case con apparecchiature che manco nei peggiori bar dei sobborghi di Caracas”. Ripreso al TPT studio (Sellano) e al Musical Dream (Montecatini) da Piergiorgio Faraglia e i suoi gatti, Luca Montagnani, Alberto la Rosa. Missato da Luca Montagnani e Gennaro Scarpato”.
Più in generale l’album 7 briciole lungo la strada è il risultato di una sperimentazione. E’ stato concepito, cioè, come un album da sviluppare “in diretta”: una canzone al mese, “a rate”, da mettere in vendita sui canali digitali. Ogni uscita è affiancata da una fantasiosa promozione, attraverso il blog dell’autore e i social network, con video ironici, iniziative coinvolgenti e strisce fumettistiche dedicate ai componenti del Collettivo Sindrome di Peter Pan. Una scelta che nasce dal tentativo di reinventare i meccanismi della promozione e della distribuzione.
L’Album è prodotto da Carlo Mercadante con la collaborazione e la supervisione artistica di Gennaro e Giuseppe Scarpato.
Carlo Mercadante (biografia)
Cantautore siciliano di Barcellona Pozzo di Gotto. Nato a Milazzo il 3 settembre del ‘74, di fronte alle isole Eolie, senza le quali “un” mare non può essere veramente definito come “il” mare. Si dedica alla scrittura sin da adolescente e frequenta un liceo musicale per tre anni dedicandosi allo studio del pianoforte ma, è la chitarra il suo vero “amore”: decide che le sue parole devono stare attaccate a delle corde come la lampare stanno attaccate a un orizzonte. Nel 2006 fonda i “Sindrome di Peter Pan”. Il loro disco d’esordio è “Sempre scattando sempre in movimento”(2010), con Ultratempo e Warner
Dopo questa esperienza Mercadante decide di abbinare alla sua attività musicale, un messaggio di legalità e conoscenza alle problematiche relative al mondo della musica.
I “Sindrome di Peter Pan” diventano nel 2011 un “collettivo” aperto a professionisti e ad esordienti. L’idea è quella di dare concretezza alla “ricerca musicale”. Ragazzi di talento, infatti, suonano le sue canzoni accanto a professionisti affermati (Giuseppe e Gennaro Scarpato tra i tanti). Lo scopo è educare i giovani al rispetto della professione di musicista partendo dalla formazione, anche legale.
Nasce così “7 briciole lungo la strada”, il secondo album, con etichetta “Isola Tobia Label”,  che ha la caratteristica di essere pubblicato “a rate”. Una canzone per volta. 
Blog ufficiale: www.carlomercadante.com

Webzine

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *