1)Avete pubblicato il vostro album di debutto. Potete presentarlo ai nostri lettori?

Si, Wild Waves è il nostro primo lavoro e si presenta come del tradizionale heavy metal. Nelle nostre canzoni il tema principale è la pirateria e il suo stile di vita: melodia, testo e anche l’artwork lasciano intendere questa tematica, il tutto cercando di ricreare quell’atmosfera che si può assaporare ascoltando un album heavy metal degli anni 80.

2)Da dove è nato il titolo del disco? E la cover?

Il titolo, Wild Waves, nasce dalla vita di tutti i giorni, come un pirata che deve affrontare un mare in tempesta, ognuno di noi deve affrontare le avversità che incontriamo durante la nostra esistenza e la cover dell’album ne è la trasposizione figurativa.

3)Quali sono le vostre fonti di ispirazione?

Come fonte d’ispirazione abbiamo principalmente i libri storia, è affascinante scoprire vite e trascorsi di capitani pirati e velieri e riproponiamo questa nostra passione nella nostra musica. Per quanto riguarda le melodie ci rifacciamo molto alle band anni 80/90 come: Runnung Wild, Judas Priest, Grave Digger, Iron Maiden.

4)Quali sono i punti forti della vostra musica? Cosa può incuriosire un eventuale nuovo ascoltatore? Quali sono le vostre qualità principali?

Ciò che credo può colpire nella nostra musica sono le melodie, sono orecchiabili ma allo stesso tempo energiche, energia che credo essere il nostro punto forte, il tutto poi rimanda ad un epoca storica poco raccontata nel mondo del metal e ciò può creare curiosità.

5)Come nasce una vostra canzone?Parlate del processo creativo alla base…

Solitamente iniziamo a comporre in modo indipendente l’uno dall’altro. Poi quando siamo ad un punto avanzato del lavoro lo presentiamo agli altri e ne discutiamo insieme, inserendo, togliendo o modificando alcune parti, limando ogni singola parte in modo che combacino alla perfezione, fino ad arrivare ad un definitivo.

6)C’è un brano in questo disco al quale vi sentite molto legati?

Parlando a nome di tutti, credo che il brano a cui siamo più legati è Raiders Of The New World, letteralmente non riusciamo a star fermi neanche mentre lo suoniamo in sala prove! Infatti di questo brano ne abbiamo voluto fare anche un video.

7)Quali sono gli artisti che vi hanno maggiormente ispirato fino ad adesso?

Beh come detto prima tra gli artisti che ci hanno maggiormente ispirato fino adesso si possono citare: Judas Priest, Grave Digger, Iron Maiden, ma più di tutti i Running Wild, loro sono il nostro vero punto di riferimento.

8)Cosa farete in futuro? Avete delle sorprese nascoste o dei sogni nel cassetto?

Siamo un gruppo relativamente giovane e questo è il nostro primo album, quindi alcune sorprese nascoste e molti sogni nel cassetto, l’unica cosa che posso dire è di continuare a seguirci per scoprire di più su ciò che faremo in futuro.

9)Con chi vorreste collaborare un giorno?

Essendo i Running Wild la nostra band di riferimento, una collaborazione con Rock N’ Rolf sarebbe qualcosa di veramente eccezionale per noi.

10)Siamo arrivati alla fine della nostra chiacchierata. Vi va di lasciare un messaggio ai nostri lettori?

E’ stato un vero piacere chiaccherare insieme! A tutti voi che state leggendo: we’re ridin’ the wild waves of destiny! (Ricardo Galante)

Webzine

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *