foto-profilo-google+

 

 

Gualazzi ha una voce senza dubbio particolare e sicuramente con una discreta tecnica di base. Musica jazzata particolare anche se dà l’idea di qualcosa di già sentito:  niente di nuovo da lui, insomma. Bassista scenografico, simpatico e forse mediamente bravo. Sintetizzatore assolutamente fuori luogo. La seconda canzone è decisamente più coinvolgente e finalmente il coro Gospel “c’azzecca” qualcosa in più con il genere musicale. Piacevole fusione fra suoni orchestrali e strumenti più “rock”. Spero vinca questa. Il bassista si è scatenato, giustamente.  Prima era repressissimo.

 

Webzine

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *